02. La Bottega di narrazione in otto punti

1. Di che si tratta?

La Bottega di narrazione è un corso di scrittura creativa della durata di un anno, durante il quale si viene seguiti per tutte le fasi della produzione di un’opera letteraria. Alla Bottega ci si candida inviando un proprio “progetto narrativo”: in genere si tratta di un romanzo, ma può trattarsi anche di una raccolta di racconti, di un memoir, di uninchiesta, di un’autobiografia e così via. Per “progetto narrativo” si intende qualunque cosa: un soggetto, un’idea di storia, un testo scritto solo in parte, una scaletta (eccetera).

 

aula_cornice2. Come si lavora nella Bottega di narrazione?

Un fine settimana al mese ci si incontra a Milano nella sede di via Carlo Tenca 7 (a due passi dalla Stazione Centrale). Il sabato e la domenica, per sedici ore in totale, si lavora sodo: si discute della trama e dei personaggi di ciascun “progetto narrativo”; si lavora insieme sul testo prodotto di volta in volta allo scopo di migliorarlo; si affrontano le problematiche individuali e comuni; si tengono lezioni frontali su teoria, tecnica, filosofia ed etica della narrazione. Un certo spazio è dedicato anche alla conoscenza del mondo editoriale e delle sue figure professionali (agenti, editor).

Al di là degli incontri mensili il lavoro di Bottega continua via internet: si comunica con il gruppo di lavoro attraverso una mailing list; ci si legge reciprocamente grazie a un sistema di condivisione dei documenti; si sciolgono dubbi e si risolvono problemi; si instaurano relazioni; si organizzano, quando necessario, incontri individuali con i docenti.

 

3. E poi?

La Bottega termina le attività con la presentazione ufficiale di tutte le opere al mondo dell’editoria. L’incontro con editor, rappresentanti degli editori, agenti letterari e giornalisti è fissato per il dodicesimo e ultimo fine settimana, a metà dicembre.

Nei mesi successivi alla fine della Bottega i docenti sono comunque disponibili per seguire la rifinitura del testo e per la proposta agli editori.

Leggi il bando per la Bottega di narrazione 2014-2015.

 

4. Chi c’è dietro (e dentro) questa Bottega?

La Bottega è un’iniziativa di Laurana Editore; nasce da un’intuizione di Massimo Cassani, ed è diretta da Giulio Mozzi con la stretta collaborazione di Gabriele Dadati.

Giulio Mozzi è scrittore, docente di scrittura creativa, talent scout, autore di saggi sulle pratiche di narrazione.

I libri di narrativa di Giulio Mozzi sono stati pubblicati dai maggiori editori italiani (fra gli altri: La felicità terrena, Einaudi 1996; Il male naturale, Mondadori 1998; Fiction, Einaudi 2001, Sono l’ultimo a scendere (e altre storie credibili), Mondadori 2009).

Insieme a Stefano Brugnolo, docente di Teoria della letteratura all’Università di Pisa, Giulio Mozzi ha scritto un fortunatissimo Ricettario di scrittura creativa (Zanichelli 2000) e il recente L’officina della parola (Sironi 2014).

È stato consulente editoriale per Sironi ed Einaudi; attualmente lavora per l’editore Marsilio.

Per avere più informazioni su Giulio Mozzi puoi consultare il curriculum, o visitare il suo blog.

Se vuoi conoscere dal “vero” Giulio Mozzi, guarda le sue 17 videolezioni di scrittura in Youtube.

Alla Bottega di narrazione hanno insegnato, fra gli altri: Silvia Ballestra, Gianni Biondillo, Mauro Covacich, Giuseppe Genna, Helena Janeczek, Michele Mari, Raul Montanari, Alessandra Sarchi, Antonio Scurati, Giorgio Vasta, Alessandro Zaccuri.

5. La Bottega funziona?

Diversi romanzi scritti nel corso d’una Bottega sono già stati pubblicati:
L’inferno avrà i tuoi occhi, di Silvia Montemurro, Newton Compton;
La felicità sta in un altro posto, di Sara Loffredi, Rizzoli;
Non più notte, di Alessandra Casaltoli, Ets;
Il contrario dell’amore, di Sabrina Rondinelli, Indiana;
Una famiglia imperfetta, di Nicola D’Attilio, San Paolo;
Masnago, di Giovanni Fiorina, Marsilio;

Per alcuni altri sono in corso trattative tra autori, agenti ed editori.

6. Quanto costa?

La quota d’iscrizione della Bottega è di 2.400 euro, iva compresa, da dividere per tre pagamenti (entro il 14 novembre 2015, entro la fine di febbraio 2016, entro la fine di giugno 2016).

La quota è ridotta a 1.900 euro, iva compresa, per chi decidesse di versarla in un’unica soluzione entro il 15 novembre 2015.

È prevista l’assegnazione di una borsa di studio di 500 euro (fornita dall’editore Laurana, organizzatore della Bottega di narrazione).

I criteri per l’assegnazione della borsa saranno: età del candidato o della candidata, situazione lavorativa.

 

7. Non solo Bottega

La Bottega di narrazione organizza anche dei corsi più brevi (e meno impegnativi): un Corso fondamentale di narrazione (in primavera) e dei seminari di autobiografia. E’ allo studio l’avvio di un corso dedicato specificamente alla narrativa noir.

barattoli_capovolta_cornice8. Come posso restare in contatto con voi?

Se sei interessato alla Bottega di narrazione e/o vuoi avere più informazioni sulle nostre iniziative didattiche, scrivi qui in basso la tua email e il tuo nome, poi premi il pulsante.

 

3 comments on “02. La Bottega di narrazione in otto punti”

  1. buongiorno volevo qualche informazione circa:Corso fondamentale di narrazione (in primavera).
    costi/date/modalità di iscrizione.
    grazie

  2. Buongiorno, vorrei sapere se per il 2017-2018 è stato attivato il “Corso fondamentale di narrazione”, e quali sono eventualmente le modalità di iscrizione (invio di racconto breve, ecc.).
    Grazie, Cecilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...